Konnichiwa a tutti voi,
Che siate esperti otaku, giovani inesperti o appassionati lettori, vogliamo condividere con voi alcuni accorgimenti su come leggere un fumetto giapponese.

  • Ovviamente la prima cosa da fare per noi amanti del fumetto giapponese (che siano essi manga o manhwa), è proprio trovare un’opera che ci colpisca e siamo sicuri ci terrà compagnia per un tempo più o meno lungo (sarà il mangaka e vari altri fattori a decretarne la durata).
  • Se non trovi subito un fumetto giapponese adatto a te, non disperare, ci sono artisti sempre pronti a pubblicare nuove storie e tante altre sono quelle già scritte da grandissimi mangaka come: Akira Toriyama creatore di Dr. Slum e Dragon Ball, Yoshihiro Togashi autore di Yu yu hakushō ed Hunter x Hunter, Eiichirō Oda e Masashi Kishimoto rispettivamente padri di One Piece e Naruto e ce ne sarebbero ancora altri di illustri mangaka come Kentaro Miura ed il duo Ōba e Obata, di questi ed altri parleremo poi…
fumetto-giapponese-lettura-orientale
  • Recuperiamo dalla nostra edicola di fiducia o in qualche mercatino il primo o anche tutti i volumi (Tankōbon) del manga che intendiamo leggere, solitamente un volume contiene dai 4 ai 9 capitoli.
fumetto-giapponese-vignette
  • Penserai che adesso possiamo aprirlo e leggerlo, si ma al contrario! Infatti molti dei fumetti giapponesi che giungono fin qui in Italia, mantengono il senso di lettura orientale e quindi va letto da destra verso sinistra, iniziando dall’ultima pagina.
fumetto-giapponese-baloon
  • Anche le vignette contenute nel nostro adorato fumetto giapponese conservano lo stesso senso di lettura, da destra a sinistra e dall’alto verso il basso, anche se queste non sono perfettamente in linea comincia sempre dall’angolo in alto a sinistra per poi terminate nel rispettivo angolo in basso a desta.
fumetto-giapponese-flashback
  • Dobbiamo anche sapere che quando ci imbattiamo in vignette con sfondo nero, questo sarà quasi sicuramente un flashback, precedente alla storia che stavamo leggendo un istante fa e che, quando lo sfondo sbiadisce, allora stiamo ritornando al presente.